Forlìbeach, 10 febbraio 2009 – Adozioni internazionali, al via un centro forlivese

ForlìbeachL’Asa ha, in Italia, altre sedi: Catania, Roma, Palermo, Milano, Taranto e si occupa di adozioni internazionali (Ucraina, Repubblica Ceca, Moldavia, Ungheria, Malta).

Per i rimanenti stati può creare collegamenti con gli enti appositi.

La Provincia di Forlì-Cesena ha sempre curato il settore ‘adozioni’, pubblicando anche la guida ‘Viaggio verso l’adozione’ in cui sono sintetizzate le tappe principali (requisiti, informazioni, decreto del tribunale, colloqui conoscitivi della coppia, sostegno) per le coppie che intendono adottare un bimbo.

L’ADOZIONE è sempre un percorso lungo, con tempi di attesa che possono sembrare morti, ma «in realtà — spiega Simona Sarazani — sono momenti importanti per scambio di informazioni con altri genitori, per gestire il senso di paura e di inadeguatezza e trasformarli in forza, coraggio e conoscenza di sé e dell’altro».

L’Asa ( il cui presidente nazionale è Marina Virgillito) negli ultimi anni ha curato e seguito le procedure per l’adozione di circa 355 bambini stranieri. Inoltre ha come obiettivi: il sostegno burocratico ed emotivo durante tutto il percorso dell’adozione, l’avvio di scambi di esperienze fra le famiglie adottanti, corsi di formazione per genitori adottivi, consulenze su problemi nella fase post-adottiva, informazione e preparazione sulle fasi e sulle difficoltà del percorso adottivo internazionale.

Tutto questo grazie alla professionalità di psicologi, consulenti legali, formatori, referenti in Italia e all’estero ed insegnanti di lingua straniera.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: