Firmato l’accordo tra ASA Onlus e Plan International Italia per la sensibilizzazione sulle discriminazioni e le violenze subite dalle bambine in Italia e nel mondo.

Catania, 11 luglio 2017 – L’Associazione ASA Onlus, da sempre impegnata nel ribadire e difendere l’assoluta priorità dell’interesse del minore, dovunque si trovi e da dovunque provenga, raggiunge un altro importante traguardo firmando un protocollo di intesa con l’ONG Plan International Italia.

Plan International è la più antica ONG indipendente al mondo. Lavora dal 1937 con i bambini nei Paesi più poveri del pianeta aiutandoli a costruire un futuro migliore per sé e per la propria famiglia.

Nelle aree più critiche del mondo non sono garantiti i diritti fondamentali come la salute e l’educazione. La mortalità materna e infantile, il mancato accesso delle bambine all’educazione, il lavoro minorile e lo sfruttamento economico delle donne continuano a essere causa di discriminazione.

I numeri raccolti dalla Ong, circa la condizione di molte giovani donne nel mondo parlano chiaro e sono preoccupanti:

  • 120 milioni di ragazze hanno subìto e subiscono violenza sessuale ogni anno;
  • 15 milioni di ragazze sono “spose bambine“, essendo costrette a contrarre matrimonio prima dei 18 anni;
  • 2 milioni di bambine diventano madri prima dei 15 anni.

Riteniamo che lavorare insieme sia il modo migliore per abbattere le barriere che impediscono la piena affermazione dei diritti umani dei piccoli.  E’ questa la ragione che ha spinto  ASA Onlus ad aderire alla campagna di sensibilizzazione “Because I am a girl” lanciata da Plan International con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico e le istituzioni al tema delle discriminazioni di genere e delle violenze di cui sono vittime le bambine del mondo.

I commenti sono chiusi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: