A Palermo secondo appuntamento con il progetto Childcare

Virgillito: “All’orizzonte, nuove modalità di declinazione delle relazioni familiari”

locandina

La famiglia, cellula fondante della società, luogo  dove si stabiliscono le prime relazioni e a cui l’individuo attinge per crearne di nuove, attraverso l’educazione e il proprio sistema di vita appreso nell’ambiente in cui è nato e cresciuto.

“La famiglia oggi tra bisogni e risorse”, a questo tema è dedicato il convegno di venerdì 27, (dalle ore 9) a Palermo, Palazzo Jung, via Lincoln 73 – secondo appuntamento in programma, con il patrocinio dell’Ordine regionale degli psicologi, prima del convegno di chiusura del prossimo settembre, a Catania – sempre nell’ambito di Childcare, il progetto promosso dall’Asa, Associazione Solidarietà Adozioni, ente capofila, e  finanziato dal Fondo Sociale Europeo e dalla Regione Siciliana. L’argomento “famiglia” sarà scandagliato in tutte le sue sfumature, sfaccettature, implicazioni, specie in rapporto al contesto socio-economico. “Con maggior successo rispetto al passato – commenta la presidente dell’Asa Marina Virgillito –  oggi la famiglia può stabilire proprie norme di comportamento, costruire il proprio progetto di vita e riferirsi a propri valori, desideri e aspettative.  Per arginare allora  gli opposti  fenomeni di completa disgregazione e di chiusura autoreferenziale del sistema familiare, è utile dotarlo di strumenti in grado di sostenerlo e accompagnarlo in percorsi di acquisizione di una nuova consapevolezza di sé. Si profilano infatti all’orizzonte – aggiunge Virgillito – nuove modalità di declinazione delle relazioni familiari, dell’educazione alla genitorialità, della gestione della quotidianità, attraverso percorsi di sostegno familiare, come il coaching familiare, non solo in un’ottica di prevenzione del disagio ma di promozione delle risorse insite in ciascun nucleo sociale”.

Tra i relatori interverranno Fulvio Giardina, presidente nazionale dell’Ordine degli psicologi e l’on. Teresa Piccione, componente della Commissione Affari Sociali, Camera dei deputati.

 

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: