“Adotta una storia”: arriva il calendario 2018 dell’Asa


Mancano pochi giorni alla fine del 2017 ed è arrivato il momento di comprare un nuovo calendario. Qualcosa che possa accompagnarvi al nuovo anno con un sorriso.

Per questo Asa Onlus ha deciso di realizzare un calendario per l’anno 2018, con l’aiuto di tanti amici che hanno donato le proprie foto di vita familiare quotidiana. Ogni foto racconta una storia, una piccola storia che ci rimanda alle esperienze di ogni giorno.

Speriamo così di dimostrare che ogni momento della quotidianità contiene una certa dose di poesia: basta saper guardare con lo spirito giusto.

Abbiamo poi scelto un titolo che è anche un motto, “Adotta una storia”. Perché ogni persona è il frutto della vita che ha vissuto, delle sue esperienze. Ogni persona è la sua storia e, a maggior ragione, la solidarietà deve principalmente passare attraverso la comprensione della storia dell’altro; attraverso l’empatia; attraverso l’adozione della storia altrui.

Destineremo i proventi della vendita del calendario ad “Adotta una storia”, che racchiude tanti progetti che l’Associazione, anche per il tramite delle sue reti, ha avviato nei Paesi stranieri e sul territorio nazionale. Adottare una storia significa assumersi l’impegno e la responsabilità di garantire un futuro migliore a chi, oggi, rischia di non avere nessun futuro.

Sosterremo attività di solidarietà in Italia e all’Estero.

Asa Onlus Taranto, in collaborazione con Arciragazzi Taranto realizzerà il progetto “Adotta un raggio di sole”, adottando la storia dei bambini ospedalizzati nei reparti di Oncoematologia, Pediatria, Microcitemia e Ortopedia degli ospedali della città e presso i domicili dei bambini affetti da gravi patologie.

Asa Onlus Catania, in collaborazione con le Acli di Catania, realizzerà il progetto “Adotta una famiglia”, adottando la storia di una famiglia del territorio in difficoltà.

Ci stanno a cuore anche i bambini più lontani, così una parte dei proventi servirà per “adottare la storia” delle bambine in difficoltà, sostenendo il progetto “SOS bambine di strada Kinshasa“ con la ONG “GSI Italia Onlus”. L’obiettivo generale del progetto è la realizzazione di condizioni di protezione a favore delle bambine in situazione di prostituzione, a rischio di violenza e in difficoltà che vivono per le strade di Kinshasa, nella Repubblica del Congo.

“Il pianto di un bambino basta ad avvelenare il mondo” (Dino Buzzati).

Basta un gesto semplice per cancellare quel pianto e far nascere un sorriso.

Per maggiori informazioni e per ricevere la copia, con un contributo minimo di 10 euro, contattare la segreteria allo 095/376567 o scrivere a cooperazione@asaonlus.it

                                                                                        

I commenti sono chiusi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: